“Mens sana in corpore sano” 

Psicologia Energetica











COS’E’ LA PSICOLOGIA ENERGETICA

Nell’ articolo “Psicologia Energetica – Il metodo psicoterapeutico del 21.secolo o una provocazione estranea alla nostra cultura” il dott. Michael Bohne psichiatra e psicoterapeuta scrive: “ Il paziente picchietta alcuni punti dei meridiani del proprio corpo, fa movimenti oculari, intona una melodia, conta, intona nuovamente la melodia e pronuncia frasi inusuali mentre il terapeuta fa pressione sul braccio proteso del paziente per verificarne, dopo le frasi diagnostiche, la tensione muscolare. Dopo questa procedura cambia improvvisamente qualcosa di essenziale nella reazione emotiva,,che prima era associata al ricordo di esperienze dolorose. Il cambiamento è così rapido che il paziente (e spesso anche il terapeuta) fa fatica a spiegarsi, credere ed elaborare ciò che è appena accaduto.

Ci stiamo riferendo ad una seduta di Psicologia Energetica, così come è stata sintetizzata dallo psicologo americano Fred P. Gallo.

Questo approccio è affascinante in quanto consente di ottenere con velocità ed efficacia dei cambiamenti sostanziali. Rappresenta al contempo, per la maggior parte degli psicoterapeuti, una “provocazione culturale”. Quale terapeuta ha dei riferimenti in merito al superamento di problemi psicologici usando come strumento il picchiettamento di alcuni punti del corpo? Inoltre, alla luce di questo nuovo metodo, vanno riconsiderate molte convinzioni sulla genesi e la cura di problemi psicologici. Lo scrivente, medico psichiatra e psicoterapeuta con formazione in diversi indirizzi psicoterapeutici, è dell’avviso cha valga veramente la pena approfondire l’argomento”.

La psicologia energetica ha coniugato una serie di tecniche psicoterapeutiche con in principi dell’agopuntura utilizzando strategie psicologiche e comunicative associate alla stimolazione di specifici punti. Questa nuova disciplina è stata influenzata dalla psicoterapia ipnotica di Milton Erickson, dalla PNL, da metodi cognitivo-comportamentali, dalla psicoanalisi, da approcci bioenergetici, dall’EMDR e dalla moderna ricerca sul cervello (Bohne, 2004). Una recensione di uno dei maggiori testi di psicologia energetica nel giornale dell’APA (American Psychological Association) riporta che la psicologia energetica, integrando con successo pratiche orientale antiche con la psicologia occidentale, può essere considerata un’espansione del tradizionale modello biopsicosociale della psicologia poiché vi include anche la dimensione dell’energia (Feinstein, 2008).

Limitandoci alle tecniche più rappresentative e diffuse, si può affermare che corrispondano sostanzialmente a un’agopuntura psicologica senza aghi. La stimolazione di alcuni punti del viso e del corpo e la trasmissione degli impulsi avviene attraverso un massaggio, un leggero picchiettamento (tapping) o una leggera pressione. Tutto ciò avviene mentre si è profondamente in contatto con le proprie emozioni e l’attenzione è focalizzata sul problema che si vuole affrontare. La combinazione della stimolazione fisica e dell’attivazione mentale può cambiare in breve tempo le emozioni e le sensazioni associate a svariati problemi psicologici e psicosomatici supportando cambiamenti emotivi, cognitivi e comportamentali (Dott.ssa Sarah Vian)

Tra le tecniche più conosciute di Psicologia Energetica possiamo elencare: EFT (Emotional Freedom Techniques), TFT (Thought Field Therapy), Quick REMAP (Reed Eye Movement Acupressure Psychotherapy) TAT (Tapas Acupressure Technique), EDxTM (Energy Diagnostic & Treatment Methods), DYNAMIND.

Esistono altre tecniche di psicologia energetica che non utilizzano la stimolazione dei punti cutanei o la utilizzano marginalmente, come Logosintesi, BSFF (Be Set Free Fast) e PSYCH-K.

Infatti, il fatto di picchiettare su alcune parti del corpo fa si di distrarre la mente razionale dal suo ruolo di guardiano e filtro verso l’Inconscio. Se la nostra attenzione è posta sul problema che vogliamo risolvere e se sul problema poniamo anche una certa dose di attenzione emotiva, ecco che l’intento di trasformazione e guarigione può arrivare a memorizzarsi nell’Inconscio nel momento in cui l’Io Conscio, la mente razionale, viene distrato dal picchiettare sui meridiani.

La tecnica di picchiettare su alcune parti del corpo è infatti usata anche da alcuni ipnoterapeuti che usano questo stratagemma per “mandare in tilt” l’Io Conscio e fare si che la persona raggiunga più facilmente lo stato di trance. Cosi potrebbe essere anche per Dynamind ed EFT: l’Io Conscio viene distratto e lascia passare nell’Inconscio il messaggio positivo che diventa cosi una nuova credenza.

Resta da valutare quanto profondamente viene memorizzata la nuova credenza. In effetti quasi tutti gli autori delle tecniche di Psicologia Energetica insistono sul fare diventare tali tecniche un esercizio quotidiano: forse perché, col tempo, le nuove credenze possano fissarsi perennemente a livello Inconscio”

LE ORIGINI DELLA PSICOLOGIA ENERGETICA:

Nel 1980 il dottor Roger Callahan stava lavorando con una paziente, chiamata Mary, per la sua intensa fobia dell’acqua. Mary soffriva di frequenti mal di testa e di incubi terrificanti, entrambe le cose erano connesse alla sua fobia dell’acqua. Per cercare di stare meglio Mary aveva cambiato molti terapeuti, per anni, ma non aveva avuto nessun beneficio particolare.
Il dottor Callahan (www.tftrx.com) cercò di aiutarla per un anno e mezzo, con i soliti metodi, ma anche lui non arrivava ad avanzare. Un giorno Callahan usci dal seminato della normale psicoterapia; per curiosità sua personale aveva studiato il sistema energetico del corpo e decise di picchiettare con la punta delle dita sotto gli occhi di Mary (punto d’uscita del meridiano dell’intestino), gli era venuta questa idea perché Mary si stava lamentando di una sensazione sgradevole nell’intestino.

Quasi subito Mary annunciò a Callahan che la sua fobia era scomparsa, egli rimase esterrefatto; poi Mary usci di corsa dall’immobile a buttarsi acqua in faccia. Niente paura, niente mal di testa. Tutto scomparve, compresi gli incubi, e non è mai più ritornato. Lei è totalmente libera dalla sua fobia dell’acqua.

Fu così che Callaghan attingendo alla propria conoscenza della medicina cinese e della teoria dei meridiani, inizio a usare il tapping sui punti di agopressione mentre l’attenzione del paziente era focalizzata su un aspetto della sua sofferenza emotiva, notando un sollievo quasi immediato. Notò, inoltre che diversi disagi psicologici richiedevano algoritmi e formule diverse.

Uno dei suoi studenti, Gary Craig, ideò una sequenza di tapping universale semplificata applicabile a numerosi problemi e la chiamo EFT (Emotional Freedom Techniques).

Gary Craig spiega il accaduto: “Bene, teniamo a mente questo accadimento e arriviamo al cuore di cosa c’è dietro. Mi spiego usando l’esempio della fobia dell’acqua di Mary; quando lei aveva paura, il flusso di energia nel suo meridiano dell’intestino veniva interrotto; quello squilibrio energetico causava l’intensità dell’emozione; il picchiettamento sotto gli occhi aveva mandato degli impulsi lungo il meridiano e rimise in ordine lo squilibrio, lo neutralizzò. Una volta riequilibrato il meridiano, l’intensità della paura scomparve. In questo fenomeno sta la cosa più potente che potrete mai imparare a proposito di emozioni che non volete: sono causate da squilibri del flusso di energia nel corpo”.

La maggior parte delle tecniche di Psicologia Energetica si ispira ai fondamentali contributi dello psichiatra John Diamond, scopritore dei legami tra meridiani ed emozioni (1985) anche se è vero che questa conoscenza da più di 5,000 anni forma parte della Medicina Tradizionale Cinese e dei suoi Principi, punti fondamentali della agopuntura.

Un altro importante precursore fu il chiropratico Goodheart, che negli anni Sessanta sviluppò il metodo della “kinesiologia applicata”, una tecnica diagnostica e terapeutica che si basa sul test muscolare e che usa la forza dei muscoli come test di verifica in risposta a vari tipi di indagine sulla salute e sulla malattia. Egli scopri che era possibile mutare sensibilmente il tono di un muscolo massaggiando o stimolando con il tapping alcuni punti del corpo. Questa scoperta lo portò ad approfondire lo studio dei punti riflessi e a stabilire una connessione tra muscoli, organi interni e meridiani dell’agopuntuta cinese (Dott.ssa Sarah Vian).

IL SISTEMA ENERGETICO DEL CORPO

Gary Craig scrive : “I nostri corpi hanno una profonda natura elettrica. Il nostro sistema elettrico è vitale per la salute fisica, non potrebbe sembrare più ovvio, se l’energia cessa di circolare…moriamo; chiedete al vostro dottore; nessuno più ne dubita.

Circa 5000 anni fa i Cinesi scoprirono un complesso sistema di circuiti energetici che scorrono nel corpo; questi circuiti energetici, o meridiani, come sono chiamati, sono al cuore dei sistemi di medicina orientali e sono la base delle moderne: agopuntura, agopressione e tutta una vasta serie di tecniche di guarigione.

L’energia scorre nel corpo ed è invisibile agli occhi; la si vede solo con macchinari ad alta tecnologia; per fare un’analogia, non vediamo neanche l’elettricità che scorre nel nostro televisore; comunque sappiamo che c’è, ne constatiamo gli effetti, il suono e le immagini sono la continua evidenza che quel flusso di energia esiste.

Come funziona?

Secondo la teoria dei meridiani si distinguono i 12 meridiani o canali energetici, il nostro corpo è percorso da vie che conducono e regolano l'energia prodotta e immagazzinata dagli organi e dai visceri, garantendo tutte le funzioni vitali. I meridiani vengono classificati fondamentalmente in principali, secondari e straordinari o curiosi.

Analogamente Le tecniche della Psicologia Energetica come  il EFT vi dà la prova certa che l’energia fluisce nel vostro corpo perché constatate la sua presenza dai risultati ottenuti; con il semplice picchiettare vicino ai punti d’uscita dei meridiani energetici sperimenterete profondi cambiamenti sia nel vostro benessere emotivo che in quello fisico, i cambiamenti non ci sarebbero se non ci fosse un sistema energetico

I 12 meridiani principali si relazionano con i sei organi (polmone, rene, fegato, cuore, pericardio, milza) e i sei visceri (intestino crasso, vescica urinaria, vescicola biliare, intestino tenue, triplice riscaldatore, stomaco).

Questi meridiani vengono distinti in yang, quelli che portano energia dall'estremità delle mani al capo e da qui ai piedi, e yin quelli che portano l'energia dai piedi al tronco e da qui alle mani.

I meridiani Yin della mano scorrono dal torace all'estremità delle dita passando per l'interno del braccio, rispettivamente nel terzo anteriore della faccia interna (polmoni), in quello centrale (pericardio) e in quello posteriore (cuore).

I meridiani Yang (della mano) vanno invece dalle estremità delle dita al capo passando per l'esterno del braccio, rispettivamente nel terzo anteriore della faccia esterna (intestino crasso), in quello centrale (Sanjiao) e in quello posteriore (intestino tenue).

I meridiani Yang del piede vanno dal capo alle dita del piede passando: per il dorso e parte posteriore delle gambe (vescica urinaria), per i fianchi e faccia esterna delle gambe (vescica biliare) e per i lati esterni del torace e dell'addome lungo la faccia anteriore delle gambe (stomaco).

I tre meridiani, Yin del piede vanno invece dalla punta dei piedi al torace passando per l'interno delle gambe e per la fascia centrale dell'addome.


I Meridiani e le Sette Emozioni (Atlante di Agopuntura HOEPLI)

La Medicina Tradizionale Cinese MTD insegna che ci sono sette emozioni principali governate o gestite da un’organo (fegato, cuore, milza-pancreas, polmoni, reni) o una viscere (vescicola biliare, intestino tenue, stomaco, intestino crasso, vescica urinaria) quando queste emozioni , per diversi fattore, perdono il loro equilibrio, il organo o viscere che le controlla si squilibra bloccando il libero fluire della energia attraverso il meridiano corrispondente. Picchiettare diversi punti attraverso il percorso del meridiano ha la funzione di riequilibrarlo.

1.- Gioia.- Questo sentimento, nel senso di una eccesiva eccitazione a seguito di una emozione, corrisponde al cuore.

2.- Collera.- Gli eccessi di collera corrispondono al Fegato.

3.- Preoccupazione.- Influenza il processo ritmico, il Polmone.

4.- Rimuginazione.- Questa emozione caratterizza la forza di trasformazione e assimilazione dell’individuo. Per tanto corrisponde alla Milza.

5.- Tristezza.- Corrisponde al Polmone.

6.- Paura.- Paura e rabbia ostacolano le espressioni vitali e portano a una paralisi dei movimenti interni. Pertanto la paura corrisponde ai Reni.

7.- Shock.- Un evento scioccante blocca il flusso del Qi e influenza il Cuore e i Reni

joomla wellnessLorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s...