“Mens sana in corpore sano” 

Articoli

E.F.T. E I FIORI DI BACH UN UTILE SUPPORTO NEL CONTROLLO DELLA FAME ANSIOSA

Desidero raccontarVi di quanto l’E.F.T e i Fiori di Bach siano un utile supporto nel lavoro con i pazienti che aspirano ad eliminare la fame ansiosa che li fa mangiare smodatamente fuori pasto.

Un giorno, mia moglie mi presenta una sua conoscente, chiamiamola Chiara, che è decisamente in “carne”. Chiara ha tentato diete di tutti i tipi, palestra, sedute di massaggio, senza perdere nemmeno un etto! Diventando ansiosa, malinconica e a disaggio con se stessa. Quando si trova davanti una stecca di cioccolato non resiste. Tutto questo la fa sentire sempre peggio con un continuo aumento di ansia e quindi, il circolo vizioso ricomincia e lei si butta capofitto sul cibo.

Le suggerisco allora di venire da me per un sostegno psicologico che la possa aiutare nel suo rapporto con il cibo.

Nella prima seduta mi rendo conto che Chiara è incostante nelle sue diete e che mangia smodatamente fuori pasto. Le stecche di cioccolato e le patatine sono immancabile; preoccupandogli di più il modo sproporzionato in cui mangia fuori pasto.

A questo punto le spiego che, nel mio lavoro di psicologo, uso diverse tecniche: la Riflessologia Plantare, i Fiori di Bach e le tecniche di Psicologia Energetica come l’E.F.T. e che secondo il mio parere il modo in cui mangia fuori pasto aveva radici emozionali.

Di comune accordo, decidiamo di iniziare con l’E.F.T. abbinato ai Fiori di Bach, per sostenere la sua volontà di smettere di mangiare smodatamente e vincere suoi dubbi di non farcela.

Come il fato di essere grassa li fa sentire a disaggio con se stessa, decidiamo cominciare la seduta di E.F.T. con la seguente frase di Preparazione:

“Anche se sono grassa me amo e accetto totalmente e completamente”.

Il Promemoria: “sono grassa”.

Su una scala di intensità 0 – 10, il problema è passato da 10 a 7, rimanendo a 7 anche dopo di tre giri di E.F.T e senza cambi emozionali evidenti. Visto questo blocco, decido di farla bere un bel bicchierone. A questo punto, la scala scende da 7 a 2.
Il commento di Chiara è il seguente: “Nei due ultimi giri anche se mi sentivo rilassata mi tornava alla mente l’immagine dei bambini piangendo, sono i bambini dell’Asilo dove lavoro e quello me faceva sentire una grande rabbia. Però era una immagine sfumata e confusa. Ora sono cosciente che quel pianto mi innervosisci e devo mettermi subito qualcosa in bocca. Fare questo, comunque non mi calma subito; resto, ancora, per un po’ ansiosa, nervosa”

Cominciamo i giri di E.F.T. con la frase di Preparazione:
“Anche se me arrabbio quando i bambini dell’Asilo piangono, me amo e accetto totalmente e completamente, e sono aperta alla possibilità di perdonare me stessa e a tutti quanti abbiano contribuito a queste sentimento”.
Col promemoria “Me arrabbio” la intensità scende de 8 a 6, continuando così anche dopo di tre giri.

Ora la faccio fare la respirazione della clavicola, con la quale scende la intensità a 2.
Dopo di due giri scenda ancora e va a 0.

La seduta termina qui.

Fissammo la prossima seduta per la settimana successiva ma nel fra tempo, deve eseguire il compito (riportato qui di seguito), tratto dal Libro di Carol Look “ATTRAI ABBONDANZA CON L’EFT”; minimo 7 volte al dì, ogni giorno fino al prossimo appuntamento.


SEQUENZA DI E.F.T. PER IL CONTROLLO DELLA FAME

SETUP

Mentre picchietti il punto del karate con la mano opposta, ripeti la FRASE DI SETUP seguente per 3 volte:

Anche se mi sento ancora grassa e spero di perdere peso, mi amo e mi accetto completamente e totalmente.

Picchietta gli 8 punti in sequenza mentre ripeti la FRASE DELL’ASPETTO NEGATIVO.

PRIMO GIRO: Frase Negativa

mi sento ancora grassa e spero di perdere peso


Quindi esegui il secondo giro utilizzando frasi positive che riflettano il risultato che vuoi ottenere. Utilizza una frase per ognuno degli 8 punti della sequenza.


SECONDO GIRO: Frasi Positive

(testa) Apprezzo il mio corpo ora.

(sopracciglio) Amo sentirmi magra.

(lato dell’occhio) Posso sentirmi magra..

(sotto l’occhio) Fa sentire cosi bene sentirsi magra.

(sotto il naso) Voglio sentirmi magra.

(mento) Amo sapere che sono capace di dimagrire.

(clavicola) Permetto a me stessa di sentirmi snella.

(sotto il braccio) Permetto a me stessa di sentirmi bene riguardo al mio corpo.


PROFONDO RESPIRO

Completa ogni esercizio con un lungo e profondo respiro che aiuta a muovere l’energia attraverso il tuo corpo.

Dello stesso modo le viene indicato la seguente formula dei Fiori di Bach:

AGRIMONY, rimedio da prendere in considerazione nel caso delle dipendenze , anche se il soggetto non mostra caratteristiche particolarmente evidenti.

CRABB APLE, per la difficoltà ad accettare il proprio corpo, fino ad arrivare al disgusto di sé.

CENTAURY, rimedio della “mancanza di fede”.

LARCH, per avere più fiducia in sé stessi.

 ELM, per evitare i dubbi nella sua propria capacità ed smaltire il desideri di mollare tutto in fretta.

La formula deve essere pressa seguendo il modello classico svolto per il dottore Bach.

Quando, la settimana seguente, Chiara torna per la seconda seduta, vedo che è più rilassata, tranquilla, insomma cambiata. Nel colloquio iniziale mi dice: “ Mi sento diversa. Quando ho fame non mi abbuffo con porcherie ma, preferisco mangiare una mela. Al lavoro sono più tranquilla, come pure nel rapporto con i bambini. Le stecche di cioccolato non le compro più… non ne ho voglia!” .

Dopo il colloquio e di comune accordo decidiamo abbordare:

• Il rapporto con se stessa.
• Il suo senso di solitudine (Chiara vive da sola e la sera mangia fino a che non si sente “tranquilla”).

Nella terza seduta il lavoro si focalizza sul suo rapporto con l’altro sesso. Chiara è una persona socievole, ma quando è vicina ad un ragazzo che le piace, non riesce più a parlare. Così, dopo da qualche giro di E.F.T. vengono fuori sentimenti di vergogna, mancanza di fiducia in se stessa e ancora solitudine.
Trattiamo le varie problematiche una ad una fino a farle sparire.

La settimana successiva Chiara racconta che già da qualche giorno ha cominciato a cambiare le sue abitudine alimentari. E’ calata un chilo e mezzo e, con sua grande gioia, ha dovuto stringere i vecchi jeans perché le stavano larghi.
Non si sente più malinconica ed è molto soddisfatta del lavoro fatto insieme.

Commenta: “Anche se in questi giorni ho affrontato diversi problemi come la litigata che ho fatto con un ragazzo in palestra, o il dolore per la perdita del mio cane, non mi sono buttata sul cibo per consolarmi!!! Niente cioccolata, non li prendo più…. anche se a Pasqua mi sono concessa un pezzetto di uovo che mi hanno regalato…e basta.
Mangio cose più sostanziose e alla sera preferisco mangiare un pezzo di formaggio o frutta. Fuori pranzo no mangio…mi sento veramente…si…sono contenta”

Finita questa seduta abbiamo deciso di rivederci tra un mese per un controllo. Nel fra tempo deve continuare a prendere i Fiori di Bach e portare avanti la sequenza di E.F.T. per il controllo della fame.

Dott. Williams Garay Alvarado (Psicologo - Operatore EFT III Livello)

joomla wellnessLorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s...